CAT SOUND STUDIO

In memoria di Freak Antony

Freak AntoniAppena un mese fa, dopo una lunga malattia, se ne andava un nostro grande amico, Roberto Freak Antoni.
Le recenti scomparse di Roberto “Freak” Antoni, leader degli Skiantos e di  Francesco Di Giacomo voce e anima del Banco di Mutuo Soccorso hanno portato profondo cordoglio anche al Cat Sound Studio.  Freak  Antoni al Cat Sound Studio aveva registrato quattro cd. “L’ho conosciuto nel 2002 – ricorda Marcassa – quando venne da me per realizzare un album di quanto avevo registrato dal vivo durante il tour invernale dello stesso anno con la regia mobile in collaborazione con la MAV di Enrico Mischiati di Rovigo. Cd  che uscì nel 2003 col titolo Skonnessi. Il mixaggio e la registrazione la fece da me. Nel 2004 venne a registrare il singolo “Col mare di fronte” che divenne la sigla di Colorado Caffè”. Nel novembre del 2004 c’è la terza registrazione. In quella occasione Roberto “Freak” Antoni arrivò a Badia Polesine con Alessandra Mostacci, sua compagna,  pianista diplomata al Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna, per registrare il loro “Ironikontemporaneo” che conteneva musiche d’avanguardia composte da diplomati e docenti di Conservatorio, come Marco Coppi, Daniele Furlati, Gian Luca Deserti, Andreina Costantini, Mario Biscarini, Claudio Scannavini. Musiche eseguite al pianoforte da Alessandra Mostacci, le stesse musiche hanno ispirato i testi di Roberto “Freak “ Antoni. “Nel 2006 – aggiunge Marcassa – registrò da me il secondo cd di “Ironikontemporaneo” dove anch’io partecipai come contrabbassista. L’ho rivisto nel 2013 che era già ammalato quando venne a trovarmi nel mio studio”. Come lo ricorda? “Di lui – conclude Marcassa – mi hanno colpito la sua umanità, la semplicità, la pazienza che metteva nel lavoro e la grande cultura della quale non faceva certamente sfoggio. Fra noi era nato un ottimo rapporto tanto che si affidava a me totalmente nelle decisioni sugli aspetti musicali delle registrazioni. Mi diceva sempre: Secondo te, Mario, va bene così? Dimostrava una grande saggezza in tutte le sue manifestazioni: davvero una persona fantastica. Posso dire che fra i grandi musicisti che sono venuti nel mio studio, per me lui è stato il più grande”. E Francesco Di Giacomo? “A metà marzo, cioè fra pochi giorni – conclude Marcassa – doveva venire nel mio studio per registrare due suoi brani: purtroppo il destino non gliel’ha permesso”.

 

Related Images: